Giuseppe Moffa
CHE NU SCIORE ‘MMOCCHE

(Musica: Giuseppe Moffa – Testo: Giuseppe Moffa, Stefano Di Nucci)

 

‘Nda case so lassate sonne e tempe
e me nea uta ì senza capirce niente
a medechesse che cummanne stu trasloche
ne iè na rasce e parle pure poche
me carechene a spalle
manche se fusse a statue du patrone
ma ie so de poca mosse
e troppa calle, stregne i dente
e no, nei paure e niente.

So nate a ‘ndo u vente sciosce e pogne
andò u chiù pulite te a rogne
da sta fenestre ei pure viste
ca coda ‘ngule a fuiute di fasciste
e che nu sciore ‘mmocche
ìe so sagliute a ‘ndo affacce l’amore
so state abetuate
a poca luce e a troppa stelle
sta pe l’arie nen me fa tremà.

A medechesse è fine
tè scritte “Sally” ngoppe u targhettine
me ve a rise e a mupie
pecché ie ce chiamave a crapa mie
ma ecche arrive a botte
nu sapore e curtellate
nen me fa resciatà.

Mo che stu cazze cose mmocche
m’acchiamente u crucefisse
icche fa che vo isse
a cercà scuse no, ne me ce mette
pe che frecate, na iastime e nu tressette
mo fisse ancore na fenestre
m’addorme e me z’ammiscene i penzere
e ìe che steie abetuate
a poca solde e troppa gente
n’ paradise ve vaie aspettà.

 

Con un fiore in bocca

A casa ho lasciato sonno e tempo
e son dovuto andarmene senza capirci niente
la dottoressa che dirige questo trasloco
non è un granché e parla pure poco
mi caricano a spalla
neanche fossi la statua del patrono
ma io sono di poche mosse
e troppi calli, stringo i denti
e non ho paura di niente

Sono nato dove il vento soffia e punge
dove il più pulito tiene la rogna
da questa finestra ho anche visto
con la coda in culo la scappata dei fascisti
e con un fiore in bocca
sono salito dove affaccia l’amore
sono stato abituato
a poca luce e a troppe stelle
stare in aria non mi fa tremare.

La dottoressa è fina
tiene scritto “Sally” sulla targhetta
mi viene il sorriso e la voglia di scherzare
Perché così ci chiamavo la mia capra
ma ecco che arriva il colpo
ha il sapore di una coltellata
che non mi fa respirare

ora con questo cazzo di coso in bocca
guardo il crocifisso, faccia ciò che vuole
a cercare scuse ora non mi ci metto
per qualche scopata, una bestemmia e un tressette
fisso ancora una finestra
mi addormento e si mischiano i pensieri
e io che sto abituato
a pochi soldi e a troppa gente
in paradiso vado ad aspettarvi.

Giuseppe Spedino Moffa

Regione: Molise

Città: Riccia

 

Testo di introduzione al brano

“Che nu sciore ‘mmocche” è la storia di un anziano che dopo essere trasportato in ospedale muore di Covid19. Dai suoi ricordi, raccontati in prima persona, emerge un personaggio eroico, lavoratore e burlone, amante della vita e delle donne, sottolineando il tramonto di un’epoca fatta di povertà e grande coesione sociale.

 

Musicisti

Giuseppe Moffa: compositore, chitarrista, cantautore e zampognaro. La sua produzione musicale è caratterizzata dalla fusione di più linguaggi tra i quali spicca la World Music e il blues.

È accompagnato da:
Primiano di Biase: Pianoforte/Hammond
Simone Talone: Batteria
Stefano Napoli: Contrabbasso