Umberto Porcaro
A TO’ VUCI

(Umberto Porcaro)

 

Ci sunnu iuorna ca taio davanzi
Ci sunnu iuorna ca siento a to’ vuci t’avissi a parrari.

U munnu cancio’ u munnu cancio’
Stu tempo i tunnina ca manco aspitto’, ca manco aspitto’

Ha Ha thisaway ho ho thataway,
Ha Ha thisaway then oh then

D’ abbanna a muntagna viu u suli c’avanza mi chiuiu l’uocchi putissi vulari vuvulissi cantari

Stu scuro passo’ stu scuro passo’ u sienti stu viento chi fuorna cancio’chi fuora cancio’

Ha ha thisaway ho ho thataway,
Ha Ha thisaway then oh then

Ci sunnu iuorna ca Taio Davanzi
Ci sunnu iuorna ca siento a to’ vuci

 

LA TUA VOCE

Ci sono giorni che ti vedo davanti,
Ci sono giorni che sento la tua voce ti vorrei parlare,

Il mondo e’ cambiato il mondo e’ cambiato
Questo strano tempo non ha neanche aspettato,

Ah-Ah-via,Ah-Ah-via
Ah-Ah-via
allora-allora
Dall’altra parte della montagna,il sole avanza,mi chiudo gli occhi e posso volare e vorrei cantare,

Il buio è passato, il buio è passato, sento questo vento, fuori è cambiato, fuori è cambiato

Ci sono giorni che ti vedo davanti,
Ci sono giorni che sento la tua voce ti vorrei parlare

Umberto Porcaro

Regione: Sicilia

Città: Palermo

 

Testo di introduzione al brano:

La canzone parla della metamorfosi dei legami con le persone importanti della nostra vita che non ci sono più e che in altri modi ci fanno sentire la loro presenza.

 

Musicisti:

Umberto Porcaro: voce, chitarre, cuatro, percussioni
Peppe Lana: organo, voci
Davide Femminino: basso
Prodotto da Fabio Rizzo (Indigo studios)